Ci sono sempre più allievi che mi rivelano in privato che dietro i loro mal di schiena, dolori cervicali e mal di pancia in realtà c’è una profonda ansia, incertezza, e svalutazione.
Mi raccontano di star cercando la soluzione al problema da più parti, ma quello che proprio non digeriscono più sono gli infiniti “devi fare”
Devi fare questo per il problema X, quello per il problema Y, quell’altro per il problema Z, e la lista diventa infinita, finché arrivano e mi dicono:
“Elisa non ce la faccio più, mi sento piena come un palloncino, senza risolvere nulla”.
Ho visto tanti fan del “devi fare”, anche nel campo dello yoga purtroppo.
Quando si cerca la perfezione di una posizione, e il corpo non è pronto. O peggio, pratiche di meditazione, quando la mente non è pronta.
Io non sono guarita dall’ansia perché il mio maestro yoga mi ha fatto fare la posizione del loto al primo mese, o perché ho meditato cercando l’illuminazione al secondo.
𝑆𝑜𝑛𝑜 𝑔𝑢𝑎𝑟𝑖𝑡𝑎 𝑝𝑒𝑟𝑐ℎ𝑒́, 𝑜𝑙𝑡𝑟𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑎𝑡𝑖𝑐𝑎 𝑞𝑢𝑜𝑡𝑖𝑑𝑖𝑎𝑛𝑎, 𝐿𝑜 𝑌𝑜𝑔𝑎 𝑚𝑖 ℎ𝑎 𝑎𝑖𝑢𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑎 𝑠𝑣𝑖𝑙𝑢𝑝𝑝𝑎𝑟𝑒 𝑢𝑛’𝑎𝑡𝑡𝑖𝑡𝑢𝑑𝑖𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑔𝑒𝑛𝑡𝑖𝑙𝑒𝑧𝑧𝑎 𝑒 𝑑𝑖 𝑎𝑐𝑐𝑜𝑔𝑙𝑖𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑡𝑜𝑡𝑎𝑙𝑒 𝑑𝑖 𝑚𝑒 𝑠𝑡𝑒𝑠𝑠𝑎, 𝑑𝑒𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑎𝑔𝑖 𝑒 𝑑𝑒𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖 𝑙𝑖𝑚𝑖𝑡𝑖.
 E indovina un po’?
Nel momento in cui ho iniziato ad accogliere me stessa così com’ero, i disagi hanno iniziato a sparire, permettendomi finalmente di cambiare in meglio.
Chi pratica Yoga con me, e specialmente chi fa il percorso Yoga per l’ansia, e ha un corpo estremamente rigido, sa benissimo che una delle cose che ripeto più spesso è proprio il contrario del “devi fare”
“𝘈𝘳𝘳𝘪𝘷𝘢 𝘥𝘰𝘷𝘦 𝘱𝘶𝘰𝘪 𝘦 𝘳𝘪𝘭𝘢𝘴𝘴𝘢𝘵𝘪”; è più potente. Molto più potente.
Sai perché?
✅ Perché l’esibizionismo non appartiene allo yoga, e non porta da nessuna parte, specialmente se si sta cercando una guarigione psico-fisica.
✅ Perché se vuoi che l’armonia e la leggerezza siano qualcosa di reale e concreto nella tua vita e nelle tue relazioni, la prima cosa che dovresti fare è 𝑠𝑚𝑒𝑡𝑡𝑒𝑟𝑒 𝑑𝑖 𝑓𝑎𝑟 𝑙𝑎 𝑔𝑢𝑒𝑟𝑟𝑎 𝑎 𝑡𝑒 𝑠𝑡𝑒𝑠𝑠𝑜.
A partire da una posizione Yoga. Specialmente da una posizione yoga che lavora per te, insieme a te, per la tua guarigione a 360 gradi.
RISORSE UTILI: