Rilassamento Yoga per ansia: asana e consigli

Come inizia ad insinuarsi l’ansia nella vita quotidiana? Con gli squilibri energetici del corpo e con l’incapacità di rilassarsi bene.

Quante volte ci si alza stanchi, perché il corpo, ma soprattutto la mente, non ha riposato come dovrebbe, o peggio non si è mai fermata, angosciata da pensieri e preoccupazioni?

Che siano casi sporadici, o la norma per chi convive con l’ansia, il risultato è sempre lo stesso: si accumulano tensioni e deficit importanti che bloccano: il corpo (rigidità diffusa), il respiro (il diaframma si ferma impedendo il respiro profondo), e le emozioni (tutta la sfera della personalità vive in uno stato di paura e di allarme costante).

Come ci si può allora rilassare veramente, se la mente è in un continuo stato alterato di irrealtà e paura?

Il rilassamento profondo diventa possibile recuperando il contatto con il proprio corpo, con il proprio respiro, e scaricando il sistema nervoso in sovraccarico.

Le asana, le posizioni dello Yoga, sono la soluzione ideale per questo.

Perché? Perché quando vengono praticate con presenza e consapevolezza, agiscono contemporaneamente su tre aspetti che sono intimamente connessi in noi: corpo, respiro e mente.

Per questo già dalla prima lezione si percepisce un rilassamento molto diffuso e profondo sia nel corpo che nella mente.

L'ansia non va eliminata ma gestita

Gli asana per ridurre l’ansia

Ecco alcuni esempi di asana (esercizi di yoga) utili per contrastare gli stati ansiosi e combattere l’ansia:

Adho Mukha Svanasana (posizione del cane a testa in giù): aiuta a liberare i pesi di testa, spalle e cervicali, oltre a migliorare la circolazione, e a rinforzare nervi e muscoli in tutto il corpo.

Yoga e Ansia - Adho Mukha Svanasana - Elisa Dorelli

Ardha Matsyendrasana (posizione di mezza torsione della colonna vertebrale): regola la secrezione delle ghiandole surrenali, allevia gli spasmi e le rigidità del corpo.

Esercizi Yoga per Ansia - Yoga e Ansia - Ardha Matsyendrasana - Elisa Dorelli

Paschimottanasana (posizione di piegamento in avanti e allungamento del dorso): equilibra il sistema nervoso e stimola il respiro addominale. Riduce lo stress.

Yoga e Ansia - Pashimottanasana - Elisa Dorelli

Savasasana (posizione di rilassamento al suolo): ogni lezione yoga termina con qualche minuto di ascolto di se stessi, nella posizione di savasana. Favorisce l’introspezione, un buon respiro e invita la mente a svuotarsi, a lasciar andare.

Altri esercizi di yoga per rilassarsi in profondità: Balasana (la posizione del bambino), Viparita Karani, ecc.

Cos’è l’ansia e perché le persone la provano?

Le cause dell’ansia sono innumerevoli e vanno sempre ricercate nel vissuto di ogni singola persona. L’ansia non è mai per caso, ma è un preciso linguaggio dell’inconscio.

Ogni persona ha un suo linguaggio inconscio con cui interpreta e vede il mondo. Se nell’inconscio ci sono dei traumi latenti, credenze ed immagini limitanti della realtà, qualunque situazione che sfiora quelle corde, creerà allarme nella mente, e dunque l’ansia nel corpo.

Come lo yoga può aiutare ad alleviare i sintomi dell’ansia

Lo Yoga allevia i sintomi dell’ansia perché ripristina innanzitutto un buon respiro, che agisce direttamente sullo scarico del sistema nervoso. Più il sistema nervoso è in equilibrio, più lo sarà il corpo e la mente.

Con i bioritmi in ordine, e la mente sempre più disciplinata, il rilassamento sarà sempre più prolungato e profondo, e l’ansia inizierà a sparire.

Rilassarsi in questo modo fa bene al corpo e alla mente. Si impara a tutelare le proprie energie durante il giorno, per evitare quel deleterio stato di stanchezza cronica e scompensi, che apre le porte a malattie psico-fisiche di ogni tipo.

Rilassarsi consapevolmente è dunque un ottimo antidoto contro:

Rilassamento yoga: i benefici per alleviare l’ansia

I benefici della pratica yogica sono davvero numerosi. Non si limitano come abbiamo detto solo al corpo, ma includono il riequilibrio di tutte le sfere sottili dell’esistenza, in primis l’equilibrio emotivo e l’equilibrio mentale.

Ecco spiegato in breve perché lo yoga è così efficace e benefico per alleviare l’ansia. Perché non “cura” solo i sintomi nel corpo, ma porta riequilibrio nella sfera mentale ed energetica. E’ a livello mentale, inconscio che esiste il seme di un trauma d’ansia, ed è a quel livello che il seme va “bruciato”, portandoci energia e consapevolezza.

Questa è la forza dello yoga, che vale per l’ansia, ma non solo. Il riequilibrio è totale, dal corpo alla mente.

Ecco alcuni tra i benefici più comuni di una buona pratica yoga:

  • maggiore calma e tranquillità mentale
  • maggior chiarezza e lucidità
  • migliora la qualità della vita
  • aumenta lo stato di benessere
  • allevia lo stress e l’ansia
  • scioglie le tensioni fisiche, emotive e mentali
  • è un ottimo rimedio contro l’insonnia.

Se il corpo è particolarmente irrigidito dall’ansia e il respiro è bloccato, il primo passo fondamentale è praticare le asana, esercizi yoga e posizioni yoga per rilassarsi. Questo passo è fondamentale per permettere al sistema nervoso di tornare a funzionare bene.

In questo modo lo yoga inizia ad essere non sono una pratica rilassante, ma un vero e proprio percorso di consapevolezza di se stessi.

Tecniche di rilassamento yoga

Lo Yoga contempla diverse pratiche per rilassare la mente. Nello Yoga, le tecniche specifiche per il rilassamento profondo vengono indicate con il nome di Yoga Nidra.

Yoga nidra è una pratica completa, che lavora sul rilascio di tensioni fisiche, emozionali e mentali insieme, oltre a sviluppare nell’inconscio nuove immagini e abitudini positive per sé. Ma questa è una pratica profonda, a sé stante.

Gli esercizi yoga per il rilassamento mentale sono invece diversi, e contemplano tutta la sfera della consapevolezza.

Nello yoga si dice: dove c’è manas, c’è prana, ovvero dove c’è la tua attenzione, lì c’è la tua energia.

Quindi, se da uno stato mentale di tensione e paura, passi ad uno stato mentale di piena presenza e consapevolezza, la tua energia cambia istantaneamente.

Questo è uno dei segreti del rilassamento profondo: portare la mente nella piena consapevolezza, in primis nella consapevolezza del corpo e del respiro.

La posizione di rilassamento yoga per eccellenza è Shavasana, perché rilassa tutto il sistema psico-fisico. Praticarla prima di addormentarsi sarebbe ottimale, in ogni caso va bene per tutte le volte che ci si sente fisicamente e mentalmente stanchi. Quest’asana aiuta a sviluppare la consapevolezza del corpo per rilassarlo completamente; e col corpo rilassato, aumenta la consapevolezza della mente e dei suoi processi.

Esercizi di yoga per rilassarsi da fare a casa

Quando non si è guidati da un’insegnante, si possono fare degli esercizi di yoga per rilassarsi molto semplici; pratiche che puoi maturare anche da solo a casa.

Il primo esercizio consiste nel sdraiarti al suolo nella posizione di Shavasana, mettere le mani sull’addome e sentire il tuo ombelico che sale e scende al ritmo del tuo respiro. Con l’inspiro l’ombelico sale, con l’espiro l’ombelico scende. Continua così, senza distrarti. La mente che rimane immersa in questa attenzione, si calma molto velocemente.

Il secondo esercizio è possibile farlo anche da seduti, e si tratta di una pratica di consapevolezza. Bisogna assicurarsi di avere la colonna ben dritta e poi iniziare a contare i secondi di inspiro, e i secondi di espiro. Prima si equilibra il respiro e poi, se si è proprio agio, si raddoppiano i secondi di espiro. Ad esempio, si inspira per tre secondi, e si espira per sei secondi; e così via. Qualunque sia il conteggio va bene.

Una pratica di rilassamento guidata per aiutarti a iniziare

Ecco una pratica di rilassamento guidata, tratta dai primi stadi di Yoga Nidra. Una pratica che puoi usare prima di andare a letto, o in qualunque momento senti che le tensioni stanno avendo il sopravvento su di te. Per calmare e rilassare il tuo corpo e la tua mente rapidamente.

Suggerimenti per mantenere una pratica regolare di yoga per ridurre l’ansia

Ciò che permette di fare un grande salto di qualità e di consapevolezza nel ridurre l’ansia, è sicuramente la pratica regolare e costante di yoga. Per fare questo, è necessaria una buona guida, e una buona dose di disciplina.

Non è obbligatorio fare un’ora di lezione tutti i giorni, ma ritagliarsi ogni giorno del tempo per scoprire e stare con se stessi, questo sì, lo reputo di fondamentale importanza.

Lo Yoga offre un panorama molto ampio di pratiche:

  • dalle asana (le posizioni del corpo),
  • al pranayama (tecniche di respiro e tecniche energetiche),
  • yoga nidra (il sonno psichico),
  • mantra yoga,
  • lo yoga del suono etc. etc.

Il suggerimento che mi sento di dare è quello di ascoltarsi, di ascoltare ogni giorno le proprie necessità, ed usare i giusti strumenti yogici.
Questo lo si impara dal proprio insegnante prima, e poi gradualmente si diventa capaci di farlo anche in autonomia.

La combinazione di un percorso guidato, e della pratica in autonomia, sono un’ottima soluzione per ridurre l’ansia in tempi anche brevi.

Domande frequenti sullo yoga rilassante

  • Come rilassare il corpo e la mente?
    Lo Yoga è un’ottima soluzione, perché mentre agisce sul riequilibrio del corpo e del respiro, calma la mente e gli stati mentali agitati
  • Quale tipo di yoga per rilassarsi?
    Hatha Yoga, Pranayama, Yoga Nidra
  • Come fare rilassamento mentale?
    Il rilassamento mentale è intimamente connesso con la consapevolezza del respiro. Un respiro consapevole, lento e profondo rilassa la mente in tempi brevi.
  • Come si fa a liberare dallo stress?
    Ritagliandosi tempo per sé, per ascoltare e stare con se stessi, e disciplinando corpo e mente.
  • Quali sono le tecniche di rilassamento per l’ansia?
    La pratica yoga è un’ottima soluzione perché scarica il sistema nervoso dalle tensioni, ed educa al respiro consapevole, che è il primo strumento veramente efficace per gestire l’ansia.
  • Asana antistress: quali esercizi praticare per ridurre l’ansia.
    Le torsioni e le posizioni capovolte sono i migliori esercizi per ridurre l’ansia. Le torsioni stimolano lo sblocco del respiro e la tonicità della colonna, mentre le capovolte oltre a calmare velocemente il sistema nervoso, tengono il cuore sopra la testa, e invitano a vedere la vita sotto un’altra prospettiva.

Rilassamento yoga: letture consigliate

Lo Yoga nella Vita” di Donna Farchi

Rilassamento Yoga contro Ansia - Yoga nella Vita

Scrive l’autrice:

Non importa chi siamo o per quanto tempo ci siamo trincerati in comportamenti autodistruttivi: la pratica quotidiana dello Yoga ha il potere di metterci di fronte alla nostra fondamentale bontà innata e a quella degli altri. Riscoprire chi siamo in realtà nel nostro nucleo … Vivere in uno stato di unione non è un concetto esoterico né una qualche indefinita sfera superiore a cui possono aspirare solo persone di grandissima intelligenza: è l’apertura di un cuore, che rende capaci di provare tenerezza, gioia e dolore senza reprimerli… è l’apertura della mente a una consapevolezza che abbraccia invece di escludere…ed è un tornare a casa con il corpo e nel corpo, perché è soltanto nel corpo che possiamo fare tutte queste cose.”

 

Altre risorse utili per te

Lo Yoga può ridurre l’Ansia?

Esercizi Yoga per l’Ansia

Yoga antistress: esercizi per ridurre ansia e stress

Ansia rimedi naturali efficaci

Attacco di ansia cosa fare: tecniche e consigli

Come rilassarti in profondità se soffri d’ansia

Yoga Nidra: la scienza del rilassamento

I benefici del pranayama

Attacco di panico cosa fare: tecniche e consigli

Attacco di panico: sintomi e rimedi immediati

Attacco di panico rimedi immediati

 

Mini Corso Yoga per ridurre l’Ansia e Stress in 3 settimane

Ridurre l'ansia in 3 settimane - Corso Yoga Online

 

>> clicca qui per maggiori dettagli