LA SEQUENZA

Il saluto al sole è sicuramente una delle pratiche più conosciute nello yoga; ha effetti potenti sia a livello fisico che a livello energetico.

Quello che non si sa di Surya Namaskara, o che che rimane per il momento ancora poco conosciuto, è il fatto che si tratta di una vera e propria pratica di rivitalizzazione solare, il che include sì ottima salute al principiante, ma anche energia spirituale a quell’allievo che considera il saluto al sole al pari di una meditazione o di una preghiera.

Il saluto al sole è una di quelle pratiche nello yoga che possono accompagnare tutto il tuo cammino yogico.

Nella sua forma è composto da dodici asana, dodici posizioni, che richiamano le dodici fasi universali (o zodicali) dell’anno, nonché i bioritmi del corpo. Praticare Surya Namaskara nella corretta forma è fondamentale per generare prana, anche chiamata energia vitale, che ha effetti sul benessere fisico, ma anche psichico del corpo.

Surya Namasara ha anche un ritmo, che è definito dal respiro e dalle ritenzioni e praticarlo correttamente ti sintonizza sul ritmo stesso dell’universo, creando un impatto sul sistema corpo-mente che ha sinceramente il potere di cambiare la tua vita, in una vita più piena, più attiva, più aperta.

Ma procediamo con ordine.

IL SIGNIFICATO

Surya viene tradotto come sole, Namaskara è tradotto come saluto. Il sole è sempre stato un simbolo molto potente nell’antichità, associato a divinità, alla forza, alla saggezza, al risveglio spirituale. Nello yoga, il sole è associato a pingala nadi, ovvero a quel canale energetico che è responsabile del mettersi in movimento, del fare, dell’attività, di un tipo di energia che nello yoga è chiamata rajasica.

Se pingala nadi non è in equilibrio, la personalità ne risente con stati di costante iper-eccitazione o con stati depressivi cronici. Surya namaskara agisce direttamente su pingala nadi, per cui il beneficio più ampio che ricevi da una buona pratica di Saluto al Sole è il riequilibrio energetico e quindi il riequilibrio del metabolismo.

SALUTO AL SOLE: I BENEFICI

Altri benefici generali di Surya Namaskara sono:

  • Stimolo e riequilibrio di tutti i sistemi del corpo, specialmente il sistema respiratorio, circolatorio, digestivo e riproduttivo.
  • Influenza il corretto funzionamento delle ghiandole endocrine e armonizza il rilascio degli ormoni.
    Vengono stimolate profondamente le principali ghiandole: genitali, surrenali, timo, tiroide, paratiroidi, pineale e pituitaria.
  • Aumenta la chiarezza mentale e apporta al cervello sangue fresco e ossigenato.
  • Aiuta a mantenere la salute dei dischi intervertebrali e tonifica i nervi spinali.
  • Rinforza i muscoli e i nervi in braccia e gambe, allunga i polpacci e tendini di Achille.
  • Aiuta a liberare la tensione dai muscoli del dorso ed è un ottimo modo per alleviare i disturbi da asma, costipazione e indigestione.
  • Aiuta a risolvere problemi legati al malfunzionamento di reni e fegato.

Questi sono solo alcuni tra i benefici più importanti della pratica, ma il concetto che sta alla base di questa pratica di Saluto al sole con scopi “terapeutici”, è il concetto di “squilibrio energetico”.

SALUTO AL SOLE: LA PRATICA ENERGETICA

Per la scienza dello yoga, una malattia o un disturbo che si manifesta nel corpo fisico, ha sempre un’origine energetica. Per cui, lavorando alla radice e riportando equilibrio ad una situazione di disequilibrio nel corpo energetico, Surya Namaskara può davvero fare tanto, a più livelli.

Tendenzialmente non ci sono controindicazioni per la pratica, basta il semplice buonsenso e il non esagerare se si stanno vivendo stati infiammatori acuti o patologie cardiache. Durante la gravidanza sarebbe meglio non praticarlo.

Il momento migliore per la pratica di Surya Namaskra è il mattino, per iniziare la giornata con un buon carico di energia vitale, forza e voglia di fare.


Prenota la tua lezione per imparare le basi del Saluto al Sole [vedi qui]